lunedì 29 luglio 2013

A vicchiaj’



 

A vicchiaj’

Luntan…luntan…

Chiù s piccinn, chiù nà vid l’or di fà grann

Ti sfuèrz, ti scann’ pì arrivà a disciott’ann…

Mù cà tien’ chiù di ottant’ann’…

Ti sfuèrz, ti scann’ pì turnà a disciott’ann…

Ma ù tièmp nà tèn’ riguard’,

cì si ricc o puvuriedd lì cunt sò lì stess…

…ti sembr cà a tè nà ti tocc, ma quann

mang ti l’aspiett… tà mett a fà li cunt.

Luntan, luntan… nà jet pò tant luntan…


 

 

traduzione…

La vecchiaia

Lontano… lontano…

Più sei piccolo, più non vedi l’ora di essere grande

Ti sforzi, ti ammazzi per arrivare a diciott’anni

Adesso che hai più di ottant’anni…

Ti sforzi, ti ammazzi per tornare a diciott’anni

Ma il tempo non ha riguardi,

se sei ricco o poveretto i conti son sempre gli stessi…

…ti sembra che a tè non ti toccà, ma quando

neanche te laspetti… ti devi mettere a fare i conti.

Lontano, lontano… non è poi tanto lontano…